logologo

Ottieni un preventivo

HomeNewsNewborns Infected with SARS-CoV-2 in Utero Are at Higher Risk of Respiratory Distress

I neonati infettati da SARS-CoV-2 in utero corrono un rischio maggiore di distress respiratorio

2024-01-30

In un recente studio di Nature Communications, gli esperti hanno approfondito i rischi di distress respiratorio (RD) nei neonati nati da madri con infezione da sindrome respiratoria acuta grave da coronavirus 2 (SARS-CoV-2).

 

Quali sono gli effetti dell'infezione materna da SARS-CoV-2 sul bambino?

L'infezione materna da SARS-CoV-2 durante la gravidanza può portare a gravi complicazioni sia per la madre che per il bambino, tra cui nati morti, prematurità e problemi di salute materna. Sebbene la trasmissione del virus da madre a figlio sia relativamente bassa, persistono preoccupazioni sui potenziali effetti a lungo termine sui neonati.  

 

È interessante notare che la RD è stata osservata non solo nei neonati infetti ma anche in quelli esposti al SARS-CoV-2 senza essere infetti. Le spiegazioni iniziali si concentravano sui problemi di salute materna che portano al parto prematuro, un noto fattore di rischio per le malattie rare. Tuttavia, studi recenti suggeriscono che l’esposizione prenatale potrebbe innescare un’infiammazione nelle vie aeree del neonato, indicata da proteine ​​specifiche presenti nei neonati colpiti.  

 

L'impatto della vaccinazione materna contro la malattia da coronavirus 2019 (COVID-19) sulla prevenzione dell'esposizione neonatale alle malattie rare rimane incerto. Pertanto, sono essenziali ulteriori ricerche per scoprire i meccanismi attraverso i quali l’esposizione prenatale alla SARS-CoV-2 porta alle malattie rare nei neonati e per esplorare potenziali strategie preventive. Man mano che questi risultati verranno ulteriormente studiati, sarà fondamentale comprendere gli intricati collegamenti tra infezione materna, esposizione prenatale e distress respiratorio neonatale. È necessaria una ricerca continua in quest'area critica per chiarire il ruolo della vaccinazione contro il COVID-19 nella prevenzione di tali complicazioni.

 

Informazioni sullo studio

Questo studio, condotto presso il Dipartimento di Ostetricia dell'Università della California, Los Angeles (UCLA) tra il 15 aprile 2020 e il 31 agosto 2022, si è concentrato su partecipanti di età pari o superiore a 16 anni. Il reclutamento prevedeva lo screening per SARS-CoV-2 di tutte le donne ammesse per travaglio e parto presso l’UCLA durante questo periodo.  

 

Un totale di 221 donne incinte e 227 feti esposti hanno preso parte allo studio, risultando in 199 nati vivi. Il benessere di queste coppie madre-bambino è stato monitorato fino al raggiungimento dei sei mesi di età. Il consenso informato è stato ottenuto dai partecipanti o dai decisori surrogati in caso di incapacità.  

 

Per valutare la RD neonatale, sono stati utilizzati criteri quali la frequenza respiratoria e la cianosi, con nascita prematura definita come parto prima delle 37 settimane. Lo studio ha considerato la gravità materna del COVID-19, lo stato di vaccinazione, la razza e l’etnia autodichiarate.  

 

Le analisi statistiche hanno approfondito il confronto dei dati demografici dei neonati con e senza RD, esaminando le caratteristiche materne e infantili e le complicanze della gravidanza. I principali predittori di RD, identificati attraverso analisi di regressione logistica, includevano la vaccinazione materna e la prematurità. Un’analisi post-hoc ha valutato l’impatto della vaccinazione sugli esiti perinatali.  

 

Oltre all'analisi statistica, i ricercatori hanno condotto una profilazione proteomica per esplorare le associazioni tra RD e SARS-CoV-2 in un sottogruppo di neonati. Ciò ha comportato l’analisi di campioni di sangue di 52 neonati, confrontando 45 neonati non infetti (SEU) esposti a SARS-CoV-2 con sette neonati di controllo nati da madri sane non esposte. I neonati SEU sono stati raggruppati in base all'esito della RD e all'età gestazionale per ulteriori analisi.  

 

Nel svelare la complessità dell'infezione materna da SARS-CoV-2 e il suo impatto sulla salute neonatale, questo studio ha utilizzato un approccio globale, combinando l'analisi statistica con la profilazione proteomica per acquisire una comprensione più profonda dei fattori che influenzano il distress respiratorio nei neonati.< p>

 

Risultati dello studio

Analizzando i risultati dello studio, circa la metà dei partecipanti si è identificata come nera o ispanica, il 24% era asiatica, di razza mista o appartenente ad altre categorie e il 25% si è identificata come bianca. In particolare, circa il 13% dei partecipanti ha avuto a che fare con COVID-19 grave o critico, con un’incidenza maggiore tra le madri non vaccinate.  

 

L'inverno del 2020 ha segnato il picco di casi di COVID-19 nella coorte, con successivi picchi più piccoli in linea con l'emergenza delle varianti Delta e Omicron SARS-CoV-2. La maggior parte delle madri è stata vaccinata prima della prevalenza della variante Alpha, portando a notevoli differenze nello stato di vaccinazione materna tra le varie varianti virali. È importante sottolineare che nessuno dei neonati è risultato positivo al SARS-CoV-2 alla nascita, ma al 17% è stato successivamente diagnosticato un disturbo respiratorio (RD).  

 

Tra i 34 neonati affetti da RD, le diagnosi più comuni di dimissione includevano sindrome da distress respiratorio (RDS), tachipnea transitoria del neonato e altre infezioni rispettivamente nel 47%, 16% e 16%. Sebbene molti neonati siano stati considerati pretermine precoci (nati prima delle 34 settimane), la maggior parte erano nati pretermine tardivi o a termine. Il tempo medio per la risoluzione della MR è stato di circa 24 giorni, variando in base all’età gestazionale.  

 

Gli esami fisici hanno rivelato risultati aspecifici come retrazioni subcostali o intercostali, respirazione anormale o grugniti. I risultati delle radiografie del torace mostravano comunemente opacizzazioni, come opacità interstiziali e di vetro smerigliato, sebbene l'8% fosse descritto come normale.  

 

Modelli di regressione logistica non aggiustati hanno evidenziato associazioni tra RD neonatale, gravità della malattia materna, prematurità e mancanza di immunizzazione materna contro il COVID-19. In un'analisi del percorso proteomico di 52 bambini nati durante l'anno iniziale della pandemia, quelli con RD hanno mostrato livelli elevati di citochine e proteine, indicando un percorso mediato dall'inflammasoma NLRP3 sovraregolato. Ciò includeva livelli più elevati di citochine specifiche come IL-18, CASP1 e IL-1β.  

 

I neonati prematuri affetti da RD hanno mostrato una significativa sovraregolazione dei processi biologici legati all'infiammazione, alle risposte chemiotattiche e alla produzione di IL-8. L'analisi delle reti funzionali ha suggerito una risposta prevalentemente Th2-asimmetrica, potenzialmente orientata verso risposte iperimmune a causa delle associazioni con una maggiore produzione di IgE. Questi risultati fanno luce sull'intricato panorama immunologico dei neonati che affrontano difficoltà respiratorie a seguito dell'esposizione materna alla SARS-CoV-2.

 

Conclusione

In conclusione, questo studio non solo fa luce sulle implicazioni cliniche immediate, ma invita anche a un'immersione più profonda nel panorama immunologico dei neonati nati da madri con esposizione a SARS-CoV-2. Mentre continuiamo a sondare gli intricati legami tra infezione materna, esposizione prenatale e distress respiratorio neonatale, l’imperativo di continuare la ricerca in quest’area critica diventa innegabile. Solo attraverso sforzi sostenuti possiamo svelare tutta la storia e potenzialmente aprire la strada a strategie preventive, garantendo un inizio più sano per la nostra generazione più giovane di fronte alle sfide virali.

Condividi
Articolo precedente
Articolo successivo