logologo

Ottieni un preventivo

HomeNewsBilanciamento della niacina: rischi per la salute del cuore

Bilanciamento della niacina: rischi per la salute del cuore

2024-02-23

La niacina, o vitamina B3, è stata a lungo considerata una pietra miliare degli sforzi di sanità pubblica negli Stati Uniti, tanto che la legge ne impone l'aggiunta ai prodotti a base di cereali. Tuttavia, un recente studio pubblicato su Nature Medicine evidenzia una scoperta preoccupante: il consumo eccessivo di niacina può rappresentare un rischio per la salute cardiovascolare. Questa rivelazione sottolinea l'importanza di comprendere i potenziali svantaggi dell'integrazione di niacina e il suo impatto sulla salute del cuore.

 

Esplorazione dei pericoli derivanti dall'assunzione di troppa niacina

 

Analizzando due coorti di pazienti senza patologie cardiache prevalenti, di cui una parte sostanziale in terapia con statine, l'indagine ha rivelato una solida correlazione tra un metabolita derivante dall'assunzione eccessiva di niacina e un rischio elevato di eventi cardiovascolari avversi significativi, come attacchi di cuore o colpi. In particolare, circa un quarto dei partecipanti allo studio presentava livelli elevati di niacina, con un conseguente aumento doppio della probabilità di sperimentare gravi incidenti cardiovascolari, paragonabili a individui con diabete o con una storia di attacchi di cuore.

 

Prima dell'avvento delle statine, la niacina era ampiamente riconosciuta per il suo ruolo nell'aumentare il colesterolo lipoproteico ad alta densità (HDL) e nel ridurre il colesterolo lipoproteico a bassa densità (LDL), comunemente noto come colesterolo "buono" e "cattivo". rispettivamente. Tuttavia, studi recenti suggeriscono che un’assunzione eccessiva di niacina può avere diversi effetti sul corpo, nonostante la sua reputazione di favorire la salute del sistema nervoso e digestivo. Sebbene gli esperti mettano in guardia dal trarre conclusioni affrettate sull'impatto della niacina sul rischio cardiovascolare, sono necessarie ulteriori indagini per comprenderne meglio le potenziali conseguenze.

 

Con una scoperta rivoluzionaria, i ricercatori hanno identificato N1-metil-4-piridone-3-carbossamide (4PY), un metabolita della niacina, come un fattore chiave nell'aumento del rischio cardiovascolare. Sostengono che il 4PY innesca una reazione infiammatoria, che potenzialmente porta a eventi cardiovascolari avversi. Questa rivelazione fa luce su un percorso precedentemente sconosciuto associato a problemi cardiovascolari. È interessante notare che lo studio inizialmente mirava a esplorare il motivo per cui i pazienti continuano a manifestare eventi cardiovascolari nonostante il trattamento per fattori di rischio comuni come colesterolo alto, fumo e diabete.

 

L'assunzione eccessiva di niacina ha generato anche N1-metil-2-piridone-5-carbossamide (2PY), ma questo composto non ha mostrato alcun legame con l'infiammazione o con l'aumento del rischio cardiovascolare. Questi risultati sono paralleli a quelli di importanti studi sulla niacina (HPS2-THRIVE e AIM-HIGH), che dimostrano che la somministrazione di niacina a individui con livelli di colesterolo LDL già bassi ha portato a effetti cardiovascolari avversi, nonostante la sua riconosciuta capacità di elevare i livelli di colesterolo HDL.

 

L'integrazione di niacina potrebbe comportare rischi cardiovascolari?

 

I cereali come il grano e il riso non sono solo gli alimenti di base per miliardi di persone in tutto il mondo, ma anche importanti fonti di nutrienti essenziali. Oltre alla niacina, questi cereali forniscono carboidrati, proteine, vitamine e minerali fondamentali per la salute e il benessere generale. Sebbene l’arricchimento con niacina sia una pratica comune per affrontare le carenze nutrizionali, recenti ricerche fanno luce sui potenziali effetti avversi associati all’assunzione eccessiva di niacina. Ciò evidenzia l’importanza di bilanciare i benefici dell’arricchimento dei nutrienti con la necessità di mitigare i potenziali rischi per la salute. Pertanto, gli studi e le discussioni in corso all'interno della comunità scientifica sono essenziali per informare le politiche di sanità pubblica e le linee guida dietetiche, garantendo la qualità nutrizionale ottimale degli alimenti di base e tutelando al tempo stesso da conseguenze indesiderate sulla salute.

 

Dati recenti di Hazen non rivelano casi di pellagra, una condizione grave causata dalla carenza di niacina che può provocare sintomi gravi. Tuttavia, raccomanda di esplorare l’introduzione di scelte di cereali non fortificati negli Stati Uniti, in linea con le pratiche globali. Ciò offre un'opzione praticabile per le persone con rischi cardiovascolari elevati che cercano di regolare il consumo di niacina.

 

Visualizzazioni sulla niacina e la salute del cuore

 

William Boden, professore alla Boston University School of Medicine non affiliato allo studio, ha affrontato il collegamento con cautela. Ha evitato di collegare in modo definitivo l'eccesso di niacina al rischio cardiovascolare, sottolineando l'importanza di un'attenta riflessione e di ulteriori ricerche.

 

Daniel Rader, professore di medicina e genetica all'Università della Pennsylvania, ha evidenziato un aspetto non affrontato dallo studio: l'uso di niacina su prescrizione, che contiene concentrazioni fino a 20 volte superiori a quelle presenti negli integratori. Ha messo in dubbio i potenziali livelli di 2PY e 4PY negli individui che assumono dosi farmacologiche di niacina, suggerendo che questi livelli potrebbero essere significativamente elevati a causa dell'assunzione molto più elevata di niacina. Sebbene a nessuno dei partecipanti a questo studio sia stata prescritta niacina, altre ricerche hanno indicato livelli aumentati di 2PY e 4PY in contesti simili.

 

Nonostante la mancanza di attenzione alla prescrizione di niacina in questo studio, Rader ha sottolineato che i precedenti studi clinici sulla niacina farmacologica non sono riusciti a confermarne i benefici piuttosto che a identificare i rischi significativi. Tuttavia, una notevole eccezione si è verificata nel 2012, quando uno studio su un farmaco candidato alla niacina per le malattie cardiovascolari è stato interrotto a seguito di un "evento avverso grave" riscontrato dai pazienti che assumevano il farmaco.

Condividi
Articolo precedente
Articolo successivo